Come rendere il processo di rilassarsi - Semplice!

Rilassarsi non deve essere un trauma nella vita della madre o del bambino. Al contrario leggi di seguito e smetti di aver paura!

Quando iniziamo a parlare di spiegamento, la reazione della madre è generalmente di paura, confusione o almeno esitazione. L'idea preconcetta che sarà difficile, secondo me, è il suo secondo ostacolo più grande.

Il primo, ovviamente, è la corsa!

Pertanto, quando inizi a divertirti, assicurati che tu, il tuo bambino e tutti nella vostra vita immediata siate pronti.

Fai clic qui per apprendere le soluzioni ai problemi di spiegamento e come farlo con successo in appena un'ora!

Naturalmente ogni famiglia ha il suo schema e ogni bambino ha il suo modo. Quindi quello che posso fare per aiutare te e il tuo bambino in questa fase della vita è raccontarvi alcune verità ed esperienze che hanno funzionato per me.

Con Thomas gli ci è voluta una settimana. Ciò significa che ha impiegato circa una settimana per smettere di avere "incidenti". Ecco cosa ho imparato e come l'ho fatto:

1. Il divertimento non dovrebbe essere così spaventoso per la madre.

Una cosa che ho sempre notato è la "riverenza" con cui le madri parlano di spiegamento. Come se fosse una grande sfida o una barriera difficile da superare. All'inizio mi sono persino spaventato e ho pensato che sarebbe stato un dramma. Poi ho iniziato a chiedermi perché, e onestamente, non c'è motivo per una tale confusione. Il massimo che può succedere è che devi pulire un po 'di pipì e noci di cocco là fuori (e ciò accadrà) e devi rinunciare se tuo figlio non è ancora pronto.

Qualcosa che non ha motivo di sentirsi fallito, dopo tutto, ognuno ha il proprio tempo. Quindi direi che il primo passo è rilassarsi e non considerarlo un problema. Se lo fai, tuo figlio può sentirlo e quindi sorgerà un problema. Trattalo come qualsiasi altra cosa ti venga insegnata. Come camminare, impilare i blocchi ed ecc ... Garantisco, che non sarà l'ultima cosa che insegnerai al tuo bambino ...

2. Attendi che sia pronto.

So che lo dico molto, ma non c'è niente di più importante. È la corsa dal mio punto di vista che porta difficoltà e traumi a madre e figlio. È lo stesso che provare a far parlare un bambino di 6 mesi. Non è ancora pronto, quindi non ha senso spingere. Fai attenzione ai segni e rispetta il tempo di tuo figlio. Se lo fai, spiegarti sarà facile.

Se ti senti più sicuro, fai un test: per alcuni giorni chiedi se vuole andare in bagno, anche con il pannolino e vedi se lo avverte. Almeno è un modo per te di capire se può parlarti delle tue esigenze.

Guarda anche i nostri video sul canale YouTube! Suggerimenti, ricette per bambini e giochi educativi!

3. Come iniziare ">

4. Trattare leggermente il soggetto

Si è verificato un incidente, non urlare, combattere o arrabbiarti. Dì semplicemente che tutto va bene e la prossima volta, che sente l'impulso, deve avvertirti. Abbi pazienza.

Quando è il momento di fare pipì, distralo mentre è in bagno. Chatta, leggi un libro o qualsiasi cosa gli piaccia. Non continuare a fare pressione chiedendo ogni 2 secondi, "Hai fatto">

5. Non avere fretta di toglierti il ​​pannolino di notte

Nella mia esperienza è un'evoluzione naturale, il bambino inizia a controllare la pipì di notte. Quindi il mio suggerimento è di lasciare tuo figlio o figlia in pannolini di notte e nel pomeriggio. Quando ti rendi conto che il pannolino si sta sempre asciugando, puoi fare un pisolino nel pomeriggio e poi di notte.

Thomas è fuori dai pannolini per circa 3 mesi. E già chiedo di fare pipì di notte. Ma non mi sentivo ancora al sicuro a far uscire il pannolino dalla notte. Solo nel pomeriggio

Va dal tempo di ognuno allo stile di ogni bambino.

6. Usa l'esempio

Questo è stato uno dei primi consigli di cui ho sentito parlare. Se sei un ragazzo, chiedi a suo padre di mostrarti come fare pipì e se sei una ragazza, mostrartelo. I bambini vorranno imitare, il che potrebbe motivarli. Inoltre, non dimenticare di mostrare anche come svuotarlo.

7. Motivare ed essere sempre positivi

Fai cose che ti motivano come:

  • Sempre congratulazioni quando si ricorda di avvertire e festeggiare quando può tenere la pipì in bagno;
  • Portalo a comprare biancheria intima o lei per comprare mutandine;
  • Anche se si verifica un incidente, cerca qualcosa di positivo di cui parlare, non essere critico, spiega solo come farlo nel modo giusto e dì qualcosa di buono, come ad esempio: "Potresti quasi gestirlo questa volta";
  • Non combattere, non gridare, non essere triste. L'idea è di essere positivi!

8. Sii disciplinato

Stai viaggiando e tuo figlio è in pannolini. Lui nel mezzo del viaggio chiede di andare in bagno. Il tuo primo impulso è: "Fallo nel figlio del pannolino, sei nel pannolino". Non farlo. Deve imparare a non dipendere dal pannolino, quindi sii disciplinato.

Se a un certo punto del tuo apprendimento è in pannolini e avverte che vuole andare in bagno: nel cuore della notte, in viaggio o al cinema, portalo. La coerenza aiuta e molto.

9. Attenzione alle tue paure.

Molti bambini hanno paura di svolgersi. Alcuni di essi sono:

  • Paura del vasino
  • Paura di cadere nel bagno
  • Paura che gli animali escano dal gabinetto
  • Paura di sporcarsi

Attenzione a queste paure. In questo caso, tuo figlio non lo prende in giro. Dai valore, parla e spiega che non c'è rischio.

10. In tal caso, interrompere e riprovare più tardi.

Se inizi a spiegarti e non funziona. Smetti di tornare con i pannolini e riprova più tardi. Non prenderlo come un fallimento o come un fallimento nei tuoi confronti. Rilassarsi non è un riflesso di te e non dovrebbe essere considerato un fallimento. È solo una fase e ogni pituco ha il suo tempo.

Spero che questi consigli possano aiutare le mamme, che come me non sapevano molto del loro divertimento e si preoccupavano di questo momento della vita dei loro piccoli. Se hai ulteriori domande, ti invito a conoscere il corso di facile utilizzo facendo clic qui! Un modo economico e garantito per avere successo.

Baci e fino alla prossima volta