Bullismo: cos'è, come prevenirlo e cosa fare

Sai cos'è il bullismo? Sai come prevenire? Sai come gestire? Come persona che ne ha sofferto molto, capisco bene cosa passano i bambini in questa posizione. Ecco come affrontare questo problema.

Che cosa è il bullismo, come prevenirlo e come affrontarlo è qualcosa che ogni madre dovrebbe sapere. Questo perché il bullismo ha assunto una forza tale da poter causare traumi e problemi che dureranno per il resto della vita di tuo figlio. Quindi andiamo!

[YouTube]

Che cos'è il bullismo?

La definizione di bullismo da parte del governo degli Stati Uniti è: comportamento indesiderato e aggressivo tra i bambini di qualsiasi età che denota uno squilibrio di potere. È un comportamento che è ripetitivo o con il potenziale per essere ripetitivo. Secondo il governo, i bambini che subiscono bullismo e i bambini che lo infliggono sono a rischio di gravi problemi in futuro.

Dopo un'ampia consultazione con le ragazze di SOS Education (c'è un video sul canale. Fai clic qui per vedere!) E dalla mia vasta esperienza personale ho una mia definizione: qualsiasi situazione in cui un individuo si sente vittima o si sente sopraffatto da altre persone. La persona vittima di bullismo si sente sminuita, umiliata, incapace o costretta a non avere opinioni. Questa persona si sente obbligata a fare ciò che non vuole vivere con gli altri. Di solito è ripetutamente offesa e incapace di reagire.

Quando inizia il bullismo?

Il bullismo non ha un'età specifica per iniziare o finire. Un bambino di tre anni ne può soffrire e anche un cinquantenne può soffrire. Dipende molto più dalla situazione della persona che dall'età stessa. Poiché il bullismo è sostanzialmente dovuto a situazioni di squilibrio di potere, non è specifico dell'età.

Dove può verificarsi il bullismo "> Come prevenire il bullismo

1.Crea un bambino sano di autostima

Un bambino con una sana autostima sarà immune al bullismo. Non sarà interessato o semplicemente non lo noterà. Un bambino che sta bene con se stesso non darà la possibilità che accada una cosa del genere o gli altri che causano il bullismo non si sono sentiti abbastanza sicuri per affrontarla. Ricorda: i bulli sono bambini insicuri stessi ed eviteranno sempre di mettersi in situazioni che potrebbero opporsi o dove potrebbero perdere.

Un grosso problema con il bullismo, secondo me, è che quando non viene sanato, può far sì che il bambino maltrattato non realizzi il suo pieno potenziale.

2. Conversazione sul bullismo

Aiuta i bambini a capire cos'è il bullismo e cosa può causare. Tenere sempre aperte le linee di comunicazione all'interno. Alcuni modi per raggiungere questo obiettivo sono: parlando delle giornate dei tuoi figli a cena e prima di coricarsi, cercando difficoltà, i loro sogni e paure. Tieni traccia delle amicizie e dei disaccordi dei tuoi figli e non prendere mai in giro le loro preoccupazioni. Se è importante per lui, deve esserlo anche per te. Per quanto sciocco ti sembri.

Alcuni consigli su cosa chiedere:

  • Dimmi cose buone che sono successe oggi e cose cattive.
  • Com'è l'ora di pranzo nella tua scuola? con chi ti siedi? Di che parli
  • Come va sull'autobus da e per la scuola?
  • Cosa fai molto bene? cosa ti piace fare di più? cosa ti piace di più di te?

3. Incoraggiatelo a parlare

Non è sempre facile far parlare i bambini. Ancora di più, quando il soggetto è spiacevole e li fa sentire male o spaventati. Quindi ci sono modi per tirar fuori la lingua a tuo figlio. Quindi sai cosa gli sta succedendo davvero.

Uno dei modi migliori è realizzare il tuo programma preferito. Quindi quando tuo figlio o tua figlia è felice, di buon umore e tranquillo, puoi iniziare a fare alcune domande. Ma, sempre facendo qualcos'altro. Tipo: in macchina mentre giochi o mentre disegni un disegno ed ecc ...

Scoprirai che quando parli facendo qualcos'altro, è più facile per loro parlarti e parlarti. Farlo sedere per parlare in un momento serio finirà per bloccarlo e spaventarlo.

Un'altra buona soluzione è fargli raccontare una storia della sua vita a scuola. In questo modo riesce a gestire meglio le sue emozioni e puoi, attraverso la storia, identificare se ci sono o meno problemi di bullismo con lui.

4. Resta sempre connesso con tuo figlio

I bambini connessi sono bambini con un forte legame con la loro famiglia. Si sentono parte della famiglia, sono felici a casa e si sentono amati. Questi bambini raramente causano bullismo o bullismo. Questo perché hanno un forte supporto al chiuso. Una grande presenza di genitori e mai sentirsi soli e indifesi.

5. Fai fare sport al tuo bambino

Lo sport aumenta l'autostima, aumenta la socializzazione dei bambini e previene il bullismo. Ecco perché crea una classe per tuo figlio, offre responsabilità, disciplina, maturità, lo rende più forte fisicamente ed emotivamente.

Come trattare quando vedi il bullismo

Se noti un caso di bullismo di fronte a te, fermalo in tempo! Intervieni con rispetto e con calma. Tuttavia, intervenire con fermezza e in modo definitivo. Sii assertivo. La fiducia e la fermezza con cui si interviene dimostra che tale comportamento non è accettabile. Secondo il governo degli Stati Uniti, gli studi dimostrano che nel tempo questo può porre fine al bullismo.

Cosa fare:

  • Intervieni immediatamente
  • Separare i bambini
  • Mantieni la calma
  • Sii rispettoso e fermo
  • Cerca aiuto se necessario

Cosa non fare:

  • Non scandalizzare
  • Non ignorare, pensando che risolveranno da soli
  • Non forzare i bambini a scusarsi di fronte a tutti
  • Non forzare i bambini a raccontare ciò che hanno visto in tempo e davanti agli altri
  • Non cercare di scoprire cosa è successo sul posto.
  • Non parlare con i bambini coinvolti insieme, solo a parte
[Related]

Assicurati di supportare tutti i bambini coinvolti. Hanno bisogno di supporto. Anche un bambino che ha causato il problema. Sostieni questo. Il bullismo è un segnale che sta succedendo qualcos'altro a tuo figlio o ad altri bambini. Se questi problemi non vengono risolti, possono avere gravi conseguenze per il tuo futuro.

Le brave mamme sperano che abbia aiutato

Baci e fino alla prossima volta