Ora finisci la lotta prima di coricarti!

Il post di oggi era una richiesta speciale di Wanted Bianca Arcangeli qui di Mother in Day su come porre fine alla guerra per far dormire un bambino di età superiore ai 2 anni. Di solito le scuse sono sempre le stesse: chiedere acqua, parlare, vedere un altro disegno, chiedere alla madre di raccontare "solo" un'altra storia, desiderio di andare in bagno (dopo che se ne è andato), caldo, freddo, ecc. Qualsiasi scusa vale per non dormire.

Ma cosa fare

Elencherò qui alcuni atteggiamenti che possono migliorare notevolmente il modo in cui metti queste bestie a dormire senza dover combattere o innervosirti con tuo figlio prima di coricarti.

[Related]
  • Inizia con un cartellone. Vai in un negozio di articoli di cartoleria con tuo figlio e acquista una carta e un nastro. Quando torni a casa, spiega al tuo bambino che la nuova routine serale sarà progettata lì. Tutto da fare prima di andare a letto. Dividi il cartoncino in quadrati e metti le cose esattamente nell'ordine in cui dovrebbero accadere. Ad esempio: cena, bagno, cambio, pulizia dei denti, pipì, andare a letto, 1 storia (metti sempre la quantità!), Spegnere le luci, preghiera con la mamma e coricarsi.

  • Dal momento in cui la bacheca va sul muro della stanza del tuo bambino, segui le regole per almeno due settimane molto strettamente. Quando tuo figlio inizia a chiedere cose o piangere, spiega le nuove regole in pace e segui. Non infrangere le regole con un'altra storia o un'altra preghiera. Resisti perché un giorno diventerai più flessibile, tuo figlio si renderà conto che la sua insistenza darà un risultato diverso (esattamente come vuole).
  • Metti una ricompensa. Dopo 30 giorni che seguono la routine senza piangere, tuo figlio riceverà un regalo. Scegli il regalo con esso e conservalo a casa. Non dare mai in anticipo in modo da poter creare un nuovo modo di dormire prima di fare un regalo a tuo figlio.
  • Immettere uno o modificare l'oggetto di transizione. Come suggerisce il nome, spesso la compagnia che tuo figlio ha per dormire non è più piacevole come prima. In questa fase, i capezzoli con i volti sono molto attraenti e possono aiutare il sonno del tuo bambino.

Vedi anche: I bambini e i loro segni!

  • Assicurati che il tuo bambino non dorma troppo (o troppo poco) durante il giorno. Molte volte il bambino non è disposto a dormire in un momento ideale per la famiglia a causa del sonno durante il giorno. A questo punto, un pisolino (massimo 90 minuti) a metà giornata dovrebbe essere sufficiente per lui.
  • Rivedi le abitudini alimentari. Alcuni alimenti aiutano molto a dormire, mentre altri disturbano. Un buon consiglio è di usare cereali integrali per cena e offrire una banana. Questi alimenti contengono triptofano che è un aminoacido che aiuta molto nel sonno. Altri alimenti che hanno questa sostanza: avena, avocado e semi.

  • Alcuni bambini di questa età sono più sicuri quando hanno una luce accesa. Sebbene l'ambiente migliore per un bambino a dormire sia nell'oscurità totale, a partire dai 2 anni possono apparire paure. Lascia una luce fioca o una lampada vicino a tuo figlio e spiega che potrebbe accendersi o addirittura accendersi continuamente se si sente meglio.
  • Negoziare un giorno alla settimana per dormire insieme. Potrebbe essere nella sua stanza, o nel letto dei suoi genitori, sarà un giorno diverso se il tuo bambino seguirà la routine per il resto della settimana.

Come tutto ciò che riguarda il sonno del bambino, il tuo bambino avrà bisogno di molta coerenza per rispettare le nuove regole, soprattutto dopo i 2 anni, in cui i bambini vogliono attirare l'attenzione e possedere la situazione e governare tutto e tutti in famiglia, quindi, specialmente una volta implementate le regole, non ci possono essere eccezioni, o queste "fughe" di routine diventeranno frequenti e così pure le proteste.

Vedi altri post di Michele qui!

Michele Melon è un consulente per il sonno e la pianificazione del bambino certificato dall'International Academy of Baby Planner Professionals (IABPP) e dall'International Maternity and Parenting Institute (IMPI) in California. È madre e partner di Maternity Coach (//www.maternitycoach.com.br), una società di consulenza specializzata in vari servizi per donne in gravidanza e neonati.

Contatto: